Eventi ed obiettivi su Google Analytics per monitorare un sito web

eventi ed obiettivi su Google Analytics

Nel corso del blog abbiamo parlato di quanto sia importante avere uno spazio web e un sito web responsive. Abbiamo parlato di usabilità, accessibilità, dell’importanza che un sito sia user friendly. Un sito può essere accattivante, dai contenuti di valore e con una bella e lineare grafica ma è necessario che generi un ROI (ritorno sull’investimento).
Il ROI non è necessariamente solo un ritorno economico, vedi per esempio il caso dei siti e-commerce, ma più in generale un ritorno sul tempo degli investimenti fatti su visibilità, brand identity o altro.

Obiettivi di business come premessa per creare un sito web efficace

E’ necessario, prima di costruire un sito web, porsi degli obiettivi di business.

Una volta stabiliti gli obiettivi che si vogliono raggiungere con il sito web è necessario poterli misurare per capire se il lavoro sta andando nella direzione giusta oppure no.

Ci viene a supporto Google Analytics con due sue funzioni: gli eventi e gli obiettivi (goals in inglese).

Gli eventi e gli obiettivi su Google Analytics rappresentano due modalità differenti per misurare le azioni che gli utenti compiono sul nostro sito. Vediamoli nel dettaglio.

Eventi in Google Analytics

Gli eventi indicano se determinate azioni sono accadute sul nostro sito oppure no. Queste azioni consistono nel premere un pulsante, scaricare un pdf o visualizzare un video. Per poterli monitorare su Google Analytics è necessario impostare la funzione _trackEvent direttamente sul sito.
Un evento è composto da diversi fattori:

  • categoria
  • azione
  • etichetta
  • valore

Gli ultimi due punti sono facoltativi mentre categoria e evento sono da impostare obbligatoriamente.

Categoria

La categoria è il nome del “gruppo di oggetti” che vogliamo monitorare e lo impostiamo noi.
Per esempio: qualora volessimo monitorare il download di un file pdf determineremo la voce con “pdf”, in caso di riproduzione di un video la imposteremo come “video” e via dicendo. Nel caso ci trovassimo ad avere diversi documenti pdf e diversi video, tutti differenti tra di loro e da monitorare, per comodità potremmo procedere distinguendo i documenti in “pdf1”, “pdf2” e così via. In alternativa, denominando tutti gli eventi da monitorare in un unico modo (“pdf”, “video”…) avremo il totale dei documenti e video scaricati, senza alcuna distinzione.

Azione

L’azione indica l’evento o l’interazione che si intende monitorare. Per la categoria pdf visualizzeremo il totale dei download, per i video analizzeremo l’orario di completamento del caricamento del video e i clic sui seguenti pulsanti:

  • Riproduci
  • Metti in pausa
  • Interrompi

Anche per la componente azione così come per la categoria, siamo a noi a determinarne il nome.

Etichetta

Con l’etichetta abbiamo la possibilità (facoltativa) di fornire maggiori dettagli sull’evento come ad esempio il nome del film o del video musicale nel caso della riproduzione o il nome del file nel caso dell’evento di download. Anche per le etichette, il nome lo decidiamo noi. Torna utile questa ulteriore declinazione dell’evento, nel caso in cui ci trovassimo con la necessità di monitorare singolarmente n differenti video presenti sul nostro sito.

Convertendo la teoria di questo articolo in un esempio pratico ci ritroviamo con il seguente evento:

  • Categoria: Video
  • Azione: Riproduci
  • Etichetta: Pdf1, Pdf2, Pdf3

dove con Pdf1, Pdf2, Pdf3 indichiamo il nome dei video singoli di cui vogliamo tenere traccia su Google Analytics.

Valore

Il valore è un numero intero. Può indicare il tempo di caricamento di un video, il tempo di download di un file.

Gli eventi, per essere monitorati, devono essere impostati come obiettivo nel pannello Amministratore di Google Analytics (GA)e per far sì che GA riceva a sua volta le interazioni da registrare, è necessario inserire una porzione di codice direttamente nel codice sorgente del sito web.

Obiettivi in Google Analytics

Un obiettivo (in inglese goal) indica la realizzazione di un’azione, chiamata conversione, sul nostro sito. Definire gli obiettivi è il primo passo di una strategia digitale vincente. Se questi vengono impostati correttamente, Google Analytics è in grado di fornire risultati assolutamente fondamentali. Nel caso del blog che sto analizzando, Adozione in Corso, gli obiettivi impostati sono la lettura degli articoli.

A differenza degli eventi, gli obiettivi vengono impostati a livello di vista direttamente nella pagina di amministratore di Google Analytics.

Tipi di obiettivi

Esistono 4 tipi di obiettivo:

  1. destinazione
  2. durata
  3. pagine per sessione
  4. evento

Un’obiettivo di destinazione indica la visualizzazione di una pagina dedicata. E’ il caso delle “thank you page” che si visualizzano a seguito della registrazione ad una newsletter, per esempio.

L’obiettivo durata indica quelle sessioni che durano più di un tempo precedentemente predefinito da noi. E’ il caso della lettura degli articoli che citavo sopra.

L’obiettivo pagine per sessione, si attiva e registra un goal, nel momento in cui in una sessione vengono visualizzate un tot di pagine precedentemente predefinite. Questo obiettivo indica maggiormente se e quanto un utente è coinvolto dal nostro sito perché trova interessante ciò che promuoviamo.

L’obiettivo evento registra se viene attivata una specifica azione: condivisione sui social, riproduzione di un video, download di un file.

Valore degli obiettivi

E’ possibile impostare un valore numerico agli obiettivi. Ogni volta che viene raggiunto un obiettivo, questo valore viene registrato e riportato nella colonna Valore obiettivo nei rapporti di Google Analytics. Questo valore può essere un importo monetario.

In conclusione, è importante una precisazione. Per gli obiettivi non è necessario alcuna implementazione a livello di codice basta, come abbiamo visto, l’impostazione a livello di vista su Google Analytics. In alternativa, per visualizzare i dati degli eventi nei rapporti dedicati, è fondamentale aggiungere il codice di monitoraggio eventi sul proprio sito.

Se hai trovato utile questo articolo, condividilo con i tuoi amici che siano appassionati di calcio oppure no! 😉

Alla prossima!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *